26 gennaio 2010

Controllo di sé
Funzioni cognitive:
-controllo di sé, adeguarsi ai mutamenti richiesti dal variare degli stimoli
-confronto

GRUPPO A
Maestra: oggi vi farò giocare a un gioco che già conoscete, veloce-lento, ma ci saranno delle piccole variazioni. (la maestra mostra dei disegni...)

Cosa sono?
(i bimbi rispondono indovinando)



Maestra: secondo voi come mai vi ho fatto vedere il bradipo e la lepre?
  • perché si gioca così…allora quando fai vedere la lepre si deve andare veloce perché la lepre è veloce, se fai vedere il bradipo si deve andare lenti perché il bradipo è lentissimo.
Maestra: secondo te quale dei cinque sensi dovete far funzionare? Forse sarà l’udito?
  • noooo!
  • la vista!
Maestra: se io ti faccio vedere la lepre..come dovrai camminare?
  • velocemente, perché la lepre è veloce
Maestra:se ti faccio vedere il bradipo?
  • dobbiamo camminare lentamente
Maestra: vogliamo giocare?
  • sììì
Maestra: diamoci la mano e facciamo un cerchio, poi giriamoci tutti  dallo stesso lato.. adesso comincia il gioco. Non si dovràdire neanche una parola….
Se vi faccio vedere la lepre?
  • veloci!
Maestra: se vi faccio vedere il bradipo?
  • lenti!
Maestra: se non vi faccio vedere niente?
  • Bimbi: dobbiamo stare fermi!
Maestra: mi raccomando non vi dovete superare..
Comincia il gioco…..la maestra mostra i disegni…i bimbi fanno un po’ di confusione..
Maestra: adesso il gioco si complica….(la maestra mostra nuove figure)…






Maestra: quando hai visto la tartaruga come hai deciso di camminare?
  • lentamente
Maestra: perché?
  • perché la tartaruga va lentamente
Maestra: quando hai visto lo scoiattolo come hai deciso di camminare?
  • velocemente, perché va veloce
Maestra: quando non hai visto niente cosa hai deciso di fare?
  • di non camminare

Maestra: Certo, perché non hai visto nessun comando
Maestra: conoscete altri modi di fare questo gioco? Fino adesso abbiamo usato gli strumenti, gli animali..
  • camminare proprio come gli animali
  • con i numeri..quando dici il numero più alto si va veloci, quando alzi il numero più basso vai lentamente
  • se fai vedere il disegno della lumaca si va veloce anche se la lumaca va lentamente
Maestra: è proprio un'idea che avevo anch'io...fare il contrario!
Maestra: adesso dovete pensare altre situazioni e altri modi per raggiungere uno stesso obiettivo…immaginate di avere tanta sete e di non avere un bicchiere a disposizione...qual è il vostro obiettivo?
  • bere!
Maestra: attenzione…allora il problema è “ho sete”, ho l’acqua a disposizione ma non ho il bicchiere
  • chiedo alla maestra di andare in bagno e uso le mani per bere dal rubinetto
  • se stiamo a casa chiediamo alla mamma di andare a comprare i bicchieri
  • ti attacchi alla bottiglia
  • vai in bagno e bevi dal rubinetto

Maestra: cambio problema… “hai freddo ma non hai nessun vestito”, come risolvete questo problema?
  • li vai a comprare
Maestra: ma non puoi uscire nudo!
  • Se sono in casa accendo il fuoco
  • vado a bussare ad una porta e chiedo un vestito
  • chiedi alla mamma di andare a comprare qualche vestito
  • stai a letto sotto le coperte
  • ti appiccichi al termosifone
  • se hai i fiammiferi e la diavolina accendi il fuoco
Maestra: c’è differenza tra il primo modo che abbiamo usato per giocare veloce-lento e quello di oggi?
Maestra: e qual è la differenza?
  • la prima volta si usava l’ascolto, la seconda volta l’udito
Maestra: quindi è cambiato il segnale. Ma il comando è lo stesso?

GRUPPO B
Maestra: diamoci tutti la mano, facciamo un bel cerchio e poi giù per terra. Oggi facciamo un gioco nuovo...i vostri compagni del primo gruppo si sono divertiti molto…. alza la mano chi sa dirmi cos’è?
  • una tartaruga
Maestra: te lo ricordi il gioco veloce lento?
  • no
Maestra: … quando la maestra batte lentamente tu come vai?
  • lenta!
Maestra: mi dici se sai che animale è questo?
  • uno scoiattolo!
Maestra: come funziona il gioco veloce- lento?
  • quando la maestra batte le mani lentamente camminiamo lenti, se batte le mani velocemente andiamo veloci
Maestra: ok! Allora si fa di nuovo ...(mette i bimbi i cerchio)… mi raccomando non vi dovete superare..faremo il gioco del veloce-lento….attenzione! (la maestra mostra il primo disegno senza dire niente…i bimbi non cominciano subito, ma capiscono presto la regola..)
Pronti!!!??? Si comincia…..(la maestra continua a mostrare vari disegni..i bimbi sono molto bravi)



Maestra: adesso facciamo il gioco solo con quelli che non stavano attenti e che seguivano il gioco grazie a quelli che lo sapevano fare..
Si comincia con tre bimbi….
Maestra: stop! Adesso facciamo cambio del gruppo, e i tre seduti devono poi dire come ha giocato questo gruppo.
Maestra: bravi!, torniamo in cerchio..parliamone un pochino..abbiamo fatto il gioco veloce-lento?
Maestra: cosa abbiamo cambiato?
  • invece di battere le mani abbiamo usato i disegni con gli animali…
Maestra: le indicazioni, di come dovevate muovervi, come le avete avute?
  • con la vista
Maestra: bene! Guardavi il bradipo e andavi....?
  • lento
Maestra: guardavi lo scoiattolo e andavi….?
  • veloce
Maestra: bene. Quindi il primo segnale che abbiamo usato è quello del battito delle mani, poi abbiamo usato i disegni. Possiamo avere altri segnali?
  • battere i piedi
  • con le felpe…
  • lei vuol dire.. che se devi andare lento muovi la felpa rossa, se vuoi andare veloce muovi la felpa verde..
Maestra: quindi puoi usare anche i colori....rosso e verde: lento- veloce...
  • bella idea lo possiamo fare la prossima volta
  • muoversi anche con le mani, come gli animali
Maestra: mmhh sì, allora avete trovato due segnali diversi: i colori e i piedi. Continuiamo a parlare di segnali diversi. Fino adesso il gioco lo avete fatto allo stesso modo?
Maestra: andiamo avanti..quindi se una cosa non si può fare in un modo, per esempio io ho deciso di usare gli animali perché mi sono dimenticato il tamburello…allora ho pensato pensato e ho deciso di darvi il segnale veloce-lento in un altro modo. Ho deciso di darvi il segnale non attraverso l’udito ma attraverso la vista. Adesso immaginate di avere voi un problema da risolvere,  per es. “avete sete e non avete il bicchiere”
  • bevo dalla bottiglia
Maestra: bene, l’obiettivo di bere è stato raggiunto..ancora
  • uso una tazza
  • bevo alla cannella
  • bevo alla caraffa
  • bevi al rubinetto
Maestra: ....vai al rubinetto e metti le mani a coppa...
  • oppure metti la cannuccia
Maestra: adesso il problema è un altro..”sei a casa hai freddo ma i vestiti non li hai”
  • vai a letto
  • ti metti la coperta addosso
  • accendi il camino
  • ti metti l’accappatoio
  • ti metti vicino alla candela
  • fai la doccia calda
  • vai vicino al termosifone
  • ti scaldi accanto al camino
Maestra: adesso voglio sapere qual è la differenza fra il primo modo di giocare a veloce -lento e quello di adesso...
  • questa volta non abbiamo usato il tamburello..
Maestra: ma abbiamo giocato allo stesso gioco?
  • Bimbi: sì
Maestra: magari la prossima volta potremmo usare altri segnali. Siete stati davvero bravi!

1 commento:

  1. mi congratulo con le maestre per il magnifico lavoro

    RispondiElimina